24/07/2020

Autobrennero, bilancio semestrale positivo grazie alla gestione finanziaria

L’utile scende a 1,6 milioni rispetto ai 39,6 dello scorso anno 
Gli investimenti continuano: 12,3 milioni per le innovative barriere antirumore di Trento



Il risultato operativo del bilancio semestrale di Autostrada del Brennero - pari a –6,25 milioni, contro i 44,95 milioni del primo semestre 2019 - segna un decremento di 51,20 milioni rispetto all’anno precedente. L’utile passa dai 39,62 dei primi sei mesi del 2019 agli 1,64 milioni di quest’anno. Un risultato atteso, dato il crollo del traffico registrato nei mesi del lockdown, ma che sarebbe stato caratterizzato da un netto segno negativo senza il concorrere di tre fattori: gli introiti da pedaggio di gennaio e febbraio, in crescita rispetto al 2019, l’attenta gestione della principale voce di costo, ossia il personale, e il realizzo di proventi finanziari per 10,35 milioni, possibili grazie alla solida patrimonializzazione della Società.

“In questi mesi di grande difficoltà, ci siamo mossi con forte determinazione con l’obiettivo di anticipare il palesarsi dei problemi in modo da minimizzarne l’impatto negativo - commenta l’Amministratore Delegato, Diego Cattoni - Adottando questo approccio, siamo anche riusciti ad anticipare diversi lavori di manutenzione approfittando del traffico ridotto e garantendo all’economia locale un volano importante, ancor più in questa fase”.

Il Consiglio di Amministrazione della Società, riunitosi stamani sotto la Presidenza di Hartmann Reichhalter, ha valutato positivamente il risultato semestrale. “Date le circostanze determinate dall’emergenza sanitaria e dalle misure restrittive conseguenti – ha osservato il Presidente – la contrazione del risultato economico è stata contenuta nel migliore dei modi, senza per questo ridurre l’attenzione per i territori e per la qualità del servizio erogato”.
Lo scostamento negativo del bilancio semestrale 2020 rispetto al precedente è stato causato soprattutto da una fortissima riduzione dei transiti, a partire dal mese di marzo, con il diffondersi dell’emergenza sanitaria e delle conseguenti limitazioni della mobilità che hanno fatto crollare gli introiti da pedaggio, attestatisi sui 116 milioni di euro, ossia 59,46 milioni in meno rispetto lo scorso anno. A incidere sull’utile anche il decremento dei ricavi derivanti dalle royalties delle aree di servizio pari a 4,38 milioni a fronte dei 9 milioni del 2019 (- 51,88%). Complessivamente, Il valore della produzione nei primi sei mesi dell’anno è stato di 125,89 milioni euro contro i 190,30 milioni del 2019 (- 33,85 %).
Nonostante le difficoltà, la Società, in questi sei mesi, non ha rinunciato ad investimenti in sicurezza, innovazione e manutenzione. Interventi per circa 5,61 milioni di euro hanno riguardato in particolare l’adeguamento della corsia d’emergenza per la realizzazione della terza corsia dinamica Verona-A1 e altri interventi minori, mentre per l’ordinaria manutenzione sono stati investiti 21,03 milioni.
Buone le notizie sul fronte della sicurezza: nei primi sei mesi del 2020, il tasso di incidentalità globale (TIG) - ossia il rapporto tra incidenti accaduti e chilometri percorsi moltiplicato per 100 milioni - si è attestato a 15,91 ossia al minimo storico. Negli ultimi 10 anni (2011-2020) in A22 vi è stata una riduzione del tasso di incidentalità, riferito al 1° semestre, del 18,69%.
Rimane inalterata l’attenzione di Autostrada del Brennero nei confronti dei territori che attraversa. Tra le altre decisioni della seduta odierna, il Consiglio di Amministrazione ha approvato il rifacimento e prolungamento di barriere fonoassorbenti nel Comune di Trento, all’altezza della stazione autostradale di Trento Centro, per due chilometri in carreggiata sia nord che sud, con una spesa prevista di 12,38 milioni di euro. Si tratta di una nuova tipologia di barriera, concepita dalla Società di via Berlino, in grado di sviluppare un rapporto “osmotico” con l’ambiente, una “vetrina” che ne valorizzi forme e colori senza distrarre il guidatore. Un investimento da 12,38 milioni di euro che integra l’obiettivo primario di abbattimento del rumore a quello di integrazione della struttura nell’ambiente circostante.

Il Direttore Tecnico Generale, Carlo Costa, ha riassunto così il progetto: “L’obiettivo è quello di realizzare una barriera “dinamica”, integrata e attiva, la cui fisionomia architettonico-infrastrutturale si leghi al tema, mai statico, della natura circostante. Le barriere saranno caratterizzate da pannelli cromatici ed elementi serigrafici, con scritte che richiamano sia i luoghi che la geografia dell’attraversamento. Si conferirà in tal modo un’identità al tratto percorso. Tale tipologia di barriera sarà sviluppata anche in Alto Adige, in località Velturno, a sud di Bressanone”.
Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre approvato la spesa di 7,5 milioni di euro per il rifacimento di tratti saltuari della pavimentazione tra Mantova nord e Campogalliano a garanzia della sicurezza e della fluidità del traffico.
Servizi
Agevolazioni
 
Mancato pagamento del pedaggio
 
Calcola pedaggio
 
Centro Servizi
 
Segnalazioni e reclami
 
Colonnine elettriche
 
Aree di sosta mezzi pesanti
 
Calendario divieto di circolazione
 
Calendario cantieri
 
Trasporti eccezionali
 
Colonnine elettriche per camion frigo
 
Servizio di lavanderia a Rovereto Sud
 
Avvisi di preinformazione
 
Bandi di gara
 
Esito bandi di gara
 
Download documenti
 
unchecked checked calcola pedaggio mancato pagamento fatturazione rimborso agevolazioni centro servizi parcheggi esterni play video play video hover